Feb 252010
 

Continuiamo con la nostra rassegna delle posizioni del sesso, oggi vediamo una posizione sessuale assolutamente semplice, ma di grande efficacia, soprattutto per l’uomo. sesso gay La posizione di partenza è quella classica detta del missionario (la donna sotto e l’uomo sopra).

Coito à la fiorentine: rapporto sessuale con la donna che tiene la pelle del pene dell’uomo (e il prepuzio, se ce l’ha) indietro, con un dito e il pollice appoggiati alla base del pene, tenendola sempre ben tesa, sia dentro che fuori.

È un modo eccellente per affrettare l’eiaculazione e serve anche a intensificare molto le sensazioni dell’uomo, se si riesce a mantenere la giusta tensione.

Liberamente tratto da “La gioia del sesso” di Alex Comford

Segnalibro e Share
 Posted by at 13:46
Feb 192010
 

Pornografia: titolo dato a tutta quella letteratura che qualcuno vorrebbe eliminare ad ogni costo.

Alla maggior parte della gente normale piace leggere libri che hanno come argomento il sesso, e questo spiega perché la gente anormale spenda tanto tempo e denaro nel tentativo di impedirne la circolazione.

L’unico inconveniente del porno sesso commerciale che si trova in giro è che, zoccole scopate essendo basato sulla fantasia (e spesso si tratta di fantasie irreali), non è di molto aiuto nella pratica sessuale.

La descrizione di qualunque tipo di comportamento sessuale da noi descritto aiuta la gente a visualizzarlo. Le storie porno hanno la tendenza a essere noiose, ripetitive e scarsamente credibili.

Inoltre, le fantasie sessuali decisamente antisociali, come episodi di torture e roba del genere, preoccupano i legislatori, timorosi che qualche idiota si senta spinto a metterle in pratica.

È altrettanto possibile che questo tipo di storie, permettendo a individui non molto intelligenti di sfogare queste loro esigenze socialmente inaccettabili a livello fantastico, riescano in effetti a impedire che le commettano nella realtà ma non si hanno prove inconfutabili a favore dell’una o dell’altra ipotesi.

Le coppie normali possono impiegare costruttivamente la pornografia, nell’esatta misura in cui questa è “ben fatta”, vale a dire descrive attività sessuali possibili, accettabili e piacevoli, oppure fantasie irrealizzabili, ma eccitanti. Il sesso è più bello se si usa la fantasia.

Si può dire che sia proprio questo, in generale, lo scopo della letteratura. I libri di argomento sessuale aiutano molta gente, uomini e donne, a giungere più rapidamente e con meno inibizioni al momento dell’amore.

Si devono usare come gli appassionati di football usano i libri che parlano di questo sport, anche se nei libri i giocatori hanno capacità sovrumane.

Non è vero che la letteratura erotica ecciti soltanto gli uomini: è vero invece che anche le donne si possono eccitare molto, soprattutto se il libro è scritto tenendo conto delle loro esigenze e del loro tipo di sensibilità.

Se siete dotati di abilità letterarie o artistiche, servitevene per esprimere pienamente le vostre fantasie erotiche anche in privato, tra di voi. Quasi tutti gli artisti e gli scrittori più conformisti l’hanno fatto, anche se non ne hanno dato alle stampe i frutti.

È un modo di affrontare le cose che non si può o non si desidera fare nella realtà: una specie di complemento dei sogni o dei giochi erotici.

La possibilità che la letteratura pornografica capiti nelle mani dei bambini spaventa molta gente. Se si tratta solo di storie in cui il sesso è visto sotto una luce normale, questa paura probabilmente è ingiustificata: i bambini si annoiano in fretta.

In realtà, l’inconveniente principale – e quindi da non sottovalutare – sta piuttosto nel fatto che, sesso pornografico nella maggior parte dei casi, la pornografia clandestina è molto brutta: ne basta poca per disgustare un adulto.

Un certo tipo di materiale pornografico per adulti, specialmente se si tratta di materiale insolito o sadico, potrebbe spaventare davvero un bambino, anche se non più di certi libri non erotici, come quelli di guerra o di storia sacra.

Se vedete del materiale pornografico nelle mani dei vostri bambini, ricordate in ogni caso che la cosa peggiore è mettersi a urlare.

Per gli adolescenti la letteratura pornografica probabilmente è innocua, a meno che non abbiano gravi disturbi sessuali.

Abbiamo preso in esame la letteratura pornografica, ma lo stesso vale per il porno multimediale come film o video scaricati da internet. A tale proposito va ricordato che esistono efficaci software per impedire ai bambini di visitare accidentalmente siti porno. Inoltre i bambini, quando navigano in rete, dovrebbero avere al loro fianco un adulto che li guidi.

Liberamente tratto da “La gioia del sesso” di Alex Comford

Segnalibro e Share
 Posted by at 15:01
Feb 142010
 

Quali sono i cambiamenti più importanti che si verificano nella pubertà? Li abbiamo riassunti nella figura C. Nelle ragazze le principali modificazioni sono:

  • lo “sbocciare” e in seguito lo sviluppo completo dei seni;
  • la crescita dei peli pubici;
  • lo sviluppo di peli in altre zone del corpo (per esempio sotto le ascelle);
  • l’aumento dell’ampiezza dei fianchi;
  • le modificazioni dell’aspetto, per esempio le chiazze sulla pelle;
  • il rapido aumento del peso e dell’ altezza;
  • lo sviluppo di ghiandole sudoripare presenti negli adulti;
  • l’inizio del ciclo mestruale;
  • l’interesse verso l’altro sesso (probabile).

Queste modificazioni si verificano senza seguire un ordine prefissato. sesso amatoriale Inoltre possono verificarsi fatti piuttosto strani, in grado di turbare notevolmente le ragazze.

Per esempio, può accadere che una giovane abbia uno o due cicli mestruali e poi più niente per diversi mesi.

Una mammella può svilupparsi bene e l’ altra no, così che la povera fanciulla rimane per mesi con un seno perfettamente normale mentre l’altro è ancora in boccio!

Non ci si deve meravigliare perciò se le giovani adolescenti restano un po’ disorientate e hanno anzi bisogno  di tutto l’aiuto e le rassicurazioni possibili.

Che dire dei ragazzi? I cambiamenti che subiscono sono illustrati anch’essi nella figura C. Esaminiamoli brevemente:

  • l’ingrossamento dei testicoli;
  • l’ingrossamento del pene;
  • la crescita dei peli pubici;
  • lo sviluppo dei peli in altre zone del corpo;
  • il cambiamento di voce (questo può avvenire per gradi – non è sempre improvviso, come pensano molti);
  • la crescita della barba, che può protrarsi per parecchi anni;
  • le modificazioni dell’aspetto, macchie, acne, dovute agli ormoni;
  • l’aumento rapido dell’altezza e del peso;
  • lo sviluppo di ghiandole sudoripare presenti negli adulti (con, ahimé, conseguenti problemi di odori dovuti alla traspirazione!);
  • l’inizio delle polluzioni notturne;
  • l’inizio della masturbazione;
  • l’interesse verso l’altro sesso.

Come per le ragazze, queste manifestazioni che annunciano la pubertà non seguono un ordine prestabilito.

Forse per i ragazzi i cambiamenti più sorprendenti (e anche i più stupefacenti) sono quelli di carattere puramente sessuale: il loro improvviso interesse per le donne, che può essere tiepido in alcuni, ma irresistibile in altri; pubertà: sboccia la sessualità il sopraggiungere delle polluzioni notturne, sogni che si concludono con un orgasmo e che essi non possono impedire in alcun modo; l’inizio della masturbazione.

È importante rendersi conto del fatto che potenzialmente tutti i ragazzi (e molte ragazze) usano masturbarsi, e che non vi è in questo niente di anormale. Anzi, molti genitori sono ben lieti che i loro figli adolescenti trovino il proprio “scarico” sessuale in questo modo piuttosto che in rapporti sessuali, con tutti i rischi che possono comportare a questa età.

È comprensibile che in mezzo a tutto questo caos i giovani possano rimanere sconcertati, soprattutto se i loro amici continuano a sussurrare loro negli orecchi tutta una serie di fandonie (come per esempio: «ti farà diventare cieco!»).

Qualunque cosa possiate fare per aiutare e rassicurare i vostri ragazzi nel momento della loro pubertà, sarà estremamente prezioso.

Le ragazze, in particolare, hanno bisogno di aiuto per imparare a cavarsela con quegli ingombranti oggetti misteriosi rappresentati dagli assorbenti igienici e dai tamponi.

Liberamente tratto da “Il libro completo dell’amore” di D. Delvin

Segnalibro e Share
 Posted by at 13:53
Feb 112010
 

Al momento della pubertà, la ghiandola pituitaria (alla base del cervello) invia, tramite gli ormoni, segnali alle ghiandole sessuali, perché queste inizino ad agire.

Uno dei miracoli della vita sta nel fatto che in qualche zona del nostro cervello esiste una specie di orologio biologico. Grazie a un misterioso meccanismo, questo orologio si mette in moto quando un essere umano raggiunge una certa età e fa sì che la ghiandola pituitaria (situata, come si può vedere dalla figura A, alla base del cervello) invii dei segnali alle ghiandole sessuali, in modo che esse comincino a funzionare.

Queste, a loro volta, iniziano a produrre ormoni, i quali, mega pompino amatoriale viaggiando attraverso la corrente sanguigna, provocano nell’organismo effetti estremamente vistosi: in poche parole si verificano le metamorfosi tipiche della pubertà.

A che età si mette in moto questo importante orologio biologico? Quando si diventa sessualmete attivi? Esistono differenze sostanziali da persona a persona. I giovani si preoccupano spesso in modo eccessivo quando non sembrano in grado di raggiungere la pubertà nell’identico momento dei loro amici e compagni di scuola: la verità è che non esiste una data precisa.

In genere, la maggior parte dei ragazzi raggiunge la pubertà fra i 12 e i 15 anni, ma una parte di essi vi arriva un po’ prima (a 10 o a 11 anni) o un po’ dopo (a 16 o a 17).

È molto raro il caso, in realtà piuttosto preoccupante per gli stessi giovani e per i loro genitori, in cui la pubertà si verifica intorno ai 9 anni o addirittura prima (in questi casi a 9 anni siamo pronti per il sesso, ma non per l’amore. Tutto ciò provoca scompensi psico-fisici anche gravi).

Un dato raccapricciante rivela che la più giovane madre del mondo (di cui si ha notizia) fu una povera fanciulla sudamericana che venne violentata all’età di 4 anni. Disgraziatamente la sventurata bimba aveva già raggiunto i primi stadi della pubertà, per cui l’anno successivo diede alla luce una creatura.

In Cina, verso il 1904, un bambino di 9 anni e una fanciulla di 8 riuscirono a concepire un figlio (fare sesso a 8 o 9 anni è sicuramente un gioco, ma diventare genitori a quell’età non lo è affatto).

Per contro, alcuni ragazzi e ragazze non raggiungono veramente la pubertà fino a 18 anni circa. Quindi tranquilli ragazzi: vi aspetta una vita piena di sesso amore e avventure sessuali, non c’è motivo di avere fretta!

In genere, se un giovane di 16 o 17 anni non sembra presentire i segni della pubertà, sarà opportuno che questi si rivolga a un medico per un colloquio confidenziale; analogamente si dovrà consultare un dottore se un bambino raggiunge la pubertà prima dei 10 anni.

Fra l’altro non sembra corrisponda a verità la credenza, assai diffusa tra gli occidentali, che i giovani abitanti nei paesi caldi raggiungono la pubertà molto prima degli altri! Attualmente non esiste alcuna prova concreta in merito.

Certo, in alcune regioni tropicali è consuetudine che si uniscano in matrimonio fanciulli o fanciulle di 13 o 14 anni, usanza questa che noi occidentali giudichiamo riprovevole.

L’età della maturità sessuale e della capacità di amare e fare sesso varia notevolmente da cultura a cultura, amore e sesso: la maturità sessuale ad esempio in India può accadere che rampolli tredicenni di famiglie agiate ricevano dai loro genitori, come regalo di compleanno, delle concubine (un contrasto davvero stridente con i rigidi atteggiamenti di Hornby), ma non vi è alcuna indagine scientifica dalla quale risulti una loro eventuale maturità sessuale più precoce rispetto a quella dei ragazzi occidentali.

Né merita maggior credito quell’ altra credenza popolare secondo la quale ai nostri giorni le ragazze e i ragazzi arrivano alla pubertà molto prima di una volta. Certamente è diminuita l’età media in cui si ha un rapporto sessuale completo, ma questo non significa che i ragazzi siano sessualmente maturi prima di quanto non lo fossero 100 anni fa.

Spesso dimentichiamo che sia in Inghilterra che in altre nazioni occidentali sposarsi a 13 anni era un evento del tutto legittimo; fatto che oggi troveremmo sconvolgente!

Liberamente tratto da “Il libro completo dell’amore” di D. Delvin

Segnalibro e Share
 Posted by at 12:37
Feb 072010
 

È piuttosto sorprendente, ma i bambini piccoli e quelli che muovono i primi passi posseggono già in una certa misura una propria sessualità.

Per esempio, i maschietti hanno delle erezioni, e i bambini di entrambi i sessi si accarezzano, ricavando indiscutibilmente da tale pratica sensazioni di benessere e di piacere porno é importante comprendere che non vi è niente di sbagliato in tutto ciò: si tratta semplicemente di una fase naturale del loro sviluppo.

Ciò nonostante, molte persone rimangono irrazionalmente sconvolte da queste ingenue manifestazioni di sessualità infantile. Molto tempo fa Bertrand Russel perse l’incarico che ricopriva presso una università americana per aver detto che i bambini non dovrebbero essere puniti se si toccano i genitali!

Eppure anche oggi esistono genitori che picchiano i loro bambini colpevoli soltanto di questo reato o che, furibondi , dicono loro che gli organi sessuali sono una cosa “sporca” (affermazione che, sotto il profilo medico, non corrisponde a verità).

E senz’altro preferibile non prestare alcuna attenzione alle innocenti manifestazioni di sessualità dei nostri figli, ma è importante altresì che nessuno approfitti della sessualità di un bambino.

Purtroppo, recenti sondaggi hanno rivelato che le molestie recate alla sessualità di bambini o ragazzi, sono estremamente diffuse. Sono un po’ scettico sull’affermazione che una simile violenza influenzi quasi sempre i ragazzi o le ragazze, vita natural durante, rendendo loro assai problematica una sessualità normale.

Certo molte donne, afflitte da gravi problemi coniugali, confessano al proprio medico di aver subito violenza sessuale quando erano piccole, e che da allora sono state colpite da un grande senso di colpa.

Così, fate molta attenzione a chi assumete come baby-sitter per il vostro piccolo, oppure per il bambino che va già a scuola. Le persone all’apparenza più straordinarie a volte finiscono per rivelarsi indegne di fiducia. (Un’indagine molto recente afferma che, per qualche inspiegabile motivo, le persone in uniforme hanno le maggiori probabilità di dimostrarsi nocive per i bambini).

Man mano che il bambino cresce e raggiunge l’età scolare, le manifestazioni esteriori di sessualità diventano meno aperte, per quanto sia abbastanza comune da parte dei maschietti fino a 6-7 anni dichiarare che hanno intenzione di sposare la mamma oppure cercare di sbirciare al di sotto della sua gonna.

Questa specie di atteggiamento del tipo “proviamo a dare una sbirciatina” è innocente, e comune a tutti i maschietti. Ricordo, avevo circa 4 anni, di essermi avvicinato a un manichino di donna in un negozio di abbigliamento e di averne sollevato discretamente la gonna. Per mia grande sfortuna scoprii che non si trattava di un manichino! (Grazie al cielo questa esperienza non frustrò la mia successiva vita sessuale, anche se non so cosa sarebbe potuto succedere se la signora fosse stata un po’ più svelta nel colpirmi sull’orecchio con la borsetta … ).

Ma verso i 7-8 anni un bambino ha già imparato che lo sfoggio esteriore della sua sessualità non è ben accetto nella società dei “grandi”. A scuola le cose possono andare diversamente, ed è innegabile che molti bambini (sia maschi che femmine) si divertano a fare “discorsi sporchi”, come pure giochi volgari del tipo «io ti faccio vedere il mio e tu mi fai vedere la tua». Se da un lato quasi tutti gli insegnanti e i genitori scoraggiano con tatto questo tipo di comportamento, è importante non farne un problema grave e nemmeno far sentire il bambino o la bambina come dei potenziali pervertiti se hanno fatto uno scherzo volgare al loro compagno di banco.

Un atteggiamento fondamentalmente saggio è quello di dare a vostro figlio notizie adeguate sul sesso. Più e più volte, persone afflitte da gravi problemi sessuali lezioni di sesso a scuola (come per esempio l’incapacità di consumare il matrimonio) riferiscono di non aver mai ricevuto da parte dei genitori nessuna informazione sul sesso.

Sembrerà strano, ma anche oggi vi sono delle ragazze che non sapevano assolutamente niente in materia di sesso finché non si sono scoperte a sanguinare in occasione del primo ciclo mestruale.

Date quindi ai vostri figli informazioni sufficienti che permettano loro di affrontare questo straordinario, stupefacente mondo. Un gran numero di genitori prova ancora imbarazzo nel parlare ai propri figli delle «cose che riguardano la vita sessuale», perché, anche se non per colpa loro, mancano magari delle cognizioni necessarie per farlo.

Se vi troverete in difficoltà, non esitate a mettere in mano ai vostri figli un libro delicato, con buone illustrazioni sull’argomento. Oggi se ne trovano in abbondanza nelle biblioteche pubbliche e nelle librerie e si tratta di libri in grado di svolgere un lavoro molto utile nel preparare il fanciullo allo stadio successivo della sua vita: la pubertà.

Liberamente tratto da “Il libro completo dell’amore” di D. Delvin

Segnalibro e Share
 Posted by at 14:08
Feb 062010
 

Il sesso svolge un suo ruolo durante tutto lo svolgimento della nostra vita. Alcuni cercano di confutare quest’affermazione, ma in realtà un certo tipo di sessualità è presente in quasi ogni essere umano, pur modificandosi e sviluppandosi in diversi modi nel corso della vita.

È una vera tragedia il fatto che molto spesso sborrate amatoriali lo sviluppo della sessualità di una persona si “isterilisca”, così che lei o lui finiscono per diventare dei frustrati, persone infelici o amareggiate, quando non dei veri e propri violenti, dei pervertiti. (Il sesso violento è ovviamente una delle perversioni più comuni. Eppure, a tutt’oggi, non riuscirete a trovare il termine “stupro” in nessuna pubblicazione medica sulle perversioni!).

In teoria, lo sviluppo della sessualità dovrebbe essere graduale e sereno, ma quando esamineremo quelle che ho definito “Le sette età sessuali”, ci accorgeremo che molte cose possono andare diversamente.

Le sette età sono queste:

  1. il periodo che va dall’infanzia alla pubertà;
  2. la pubertà;
  3. l’adolescenza;
  4. la maturità sessuale (che molto spesso comprende una fase di promiscuità);
  5. il periodo di assestamento;
  6. la mezza età;
  7. la vecchiaia.

Nel proseguo analizzeremo fase per fase le sette età sessuali.

Liberamente tratto da “Il libro completo dell’amore” di D. Delvin

Segnalibro e Share
 Posted by at 13:55
Feb 012010
 

Uno dei segreti per ottenere una vita sessuale appagante è fare leva sui punti di forza, evitando di fossilizzarsi sui problemi o su quello che non si ha.

Gli uomini e le donne hanno bisogno di un feedback chiaro e positivo per poter sapere cosa procuri ai partner il maggiore appagamento. sesso libero Il mio consiglio è di dedicare una mezz’ora di quando in quando, specialmente in momenti in cui non avete una visione negativa del sesso, a discutere insieme delle vostre esperienze sessuali.

Anzi, sarebbe bene ripetere occasionalmente questa conversazione anche a distanza di anni. Ecco un elenco di domande che potranno aiutarvi a stimolare una conversazione istruttiva.

Che cosa ti piace del sesso fra noi?
Cosa hai provato quando ho fatto la tal cosa?
Ti piacerebbe farlo di più?
Più o meno, quante volte vorresti farlo alla settimana?
Ti piacerebbe che ogni tanto i preliminari durassero di più?
Ti piacerebbe che ogni tanto i preliminari durassero meno?
C’è qualcosa di particolare che vorresti che ti facessi in un giorno qualsiasi del mese prossimo mentre si fa sesso?
C’è un modo nuovo in cui vorresti che ti toccassi? Se sì, me lo fai vedere?
C’è qualcosa di nuovo che vorresti provare?
C’è qualcosa che desidereresti provare sessualmente e che non abbiamo mai fatto?
C’è qualcosa che non faccio più e che vorresti che facessi più spesso?

Se è un periodo in cui non avete rapporti o non siete completamente appagati, potete intavolare una simile conversazione soltanto facendo molta attenzione a mettere da parte ogni animosità, rimostranza e critica.

Parlare di sesso è una questione molto, molto delicata. Ciò che rende difficoltoso parlare delle nostre esigenze a letto è che non vorremmo deludere i nostri partner, ma al tempo stesso non vogliamo che si aspettino da noi qualcosa che ci imbarazza o ci sembra innaturale.

Quando risponderete a queste domande mettete bene in chiaro che non state pretendendo più di quello che avete già. Bisogna evitare di fare cose che provocano disagio. Se i partner non sembrano disposti a fare cose che voi vorreste, è di importanza cruciale che non li giudichiate e accettiate il loro punto di vista.

Analogamente, se vogliono qualcosa che non vi sembra importante o che inizialmente trovate poco gradevole, non escludetelo per partito preso. Dite ad esempio: «Ora come ora non lo farei, ma lo prenderò senz’altro in considerazione».

Un modo per far sapere al partner che tenete molto a una certa cosa è parlarne, senza recriminare, ogni volta che ha luogo una conversazione sul sesso come questa.

Uno dei segreti per ottenere una vita sessuale appagante è fare leva sui punti di forza, evitando di fossilizzarsi sui problemi o su quello che non si ha. Molti uomini e donne mi hanno rivelato che, dopo avere seguito un corso sul sesso su cassetta, sono riusciti ad abbandonare certe idee «puritane» e hanno cominciato a godere davvero dei piaceri del sesso con la persona che amano.

Liberamente tratto da “Marte e Venere in camera da letto” di John Gray

Segnalibro e Share
 Posted by at 15:21