Ago 312011
 

È importante che le donne comprendano che gli uomini sono letteralmente ossessionati dal fenomeno dell’erezione.

Il che in effetti non è poi una cosa così stupefacente, dal momento che quando questa non si verifica provoca notevoli stati d’imbarazzo e frustrazione.

In realtà, quando penso a quanto complesso sia l’organismo umano, rimango sempre sorpreso dal fatto che la maggior parte degli uomini riesce in genere ad ottenere e a conservare l’erezione. fighe lesbiche La fisiologia dell’erezione è molto complicata e ancora non completamente conosciuta.

Il vero e proprio “indurimento” del pene è provocato da un vistoso aumento del flusso sanguigno nei tre corpi cavernosi dell’organo (già descritto in un altro articolo). In effetti esso raggiunge l’erezione a causa di un ingorgo di sangue. (Lo stesso fenomeno avviene, anche se su scala ridotta, con altri tessuti erettili del corpo, come quelli che costituiscono la clitoride, i capezzoli maschili e femminili, le labbra della vagina e, forse, la lingua).

Ma perché mai si verifica questa congestione del pene? Sembra esista un complesso meccanismo di interazione fra tre diverse suddivisioni del sistema nervoso umano, una delle quali è stata scoperta soltanto recentemente dalla professoressa Julia Polak, del London Hammersmith Hospital. Se le sue ricerche nel campo di questo nuovo “sistema nervoso VIP”, come è stato opportunamente definito, daranno i risultati sperati, allora un gran numero di uomini avrà di che esserle grato.

Comunque, quale che sia il funzionamento di questo meccanismo, il fatto certo è che i fattori che provocano l’erezione maschile sono due:

1)      i pensieri sul sesso;
2)      lo strofinamento del pene o le carezze.

È assolutamente indispensabile che ogni donna comprenda che, contrariamente a quanto si potrebbe pensare dando ascolto alle credenze popolari, moltissimi uomini non hanno l’erezione immediatamente, non appena la loro beneamata si spoglia.

Soprattutto le persone di mezza età, possono aver bisogno di un po’ di quelle carezze o strofinamenti cui abbiamo accennato, prima di raggiungere un’erezione sufficiente ad avere un rapporto sessuale (Viagra a parte che, ricordiamolo, è un farmaco e va usato solo quando c’è realmente un problema erettile e  sotto prescrizione medica).

Due ultime osservazioni: non ha molta importanza quale sia l’angolazione raggiunta dall’erezione, contrariamente a quanto molti ritengono. Sessuologi ricercatori hanno scoperto che una larga fetta della popolazione maschile raggiunge l’angolazione illustrata nella figura I. Ma un’ altra grossa percentuale ottiene l’angolazione della figura J. Entrambe  (e qualsiasi altra posizione intermedia) sono assolutamente normali per un’erezione soddisfacente.

Infine, vi è il problema delle erezioni mattutine e del loro perché: alcuni uomini sono un po’ preoccupati anche per questo fenomeno. Ma esso è del tutto naturale e si pensa si verifichi in seguito alla stimolazione del pene provocata dal contatto con le lenzuola, il pene unitamente al fatto che, durante il sonno, e soprattutto durante il sogno, i centri “di censura” del cervello non fanno niente per impedire che il pene reagisca in modo naturale a una certa sollecitazione.

Gli uomini si preoccupano anche se, col passare degli anni, le erezioni mattutine diventano un po’ meno frequenti, ma anche questo è normale. Molti uomini che ritengono di essere diventati completamente impotenti, possono venire rassicurati dal medico, finché continuano ad avere erezioni mattutine. In questi casi, prima di ricorrere al Viagra, spesso il dottore è solito consigliare alle mogli di “sfruttare”  l’erezione mattutina per suffragare la fiducia del loro partner nella propria virilità.

Liberamente tratto da “Il libro completo dell’amore” di D. Delvin

Altre risorse: coppie scambiste

Segnalibro e Share
 Posted by at 10:15