Nov 162009
 

Il Tantra è la via spirituale dell’amore, che usa la sessualità come materia prima, raffinandola e sviluppandola fino alle forme più eccelse di amore e consapevolezza.

Ma che cos’è l’amore? Generazioni di filosofi hanno tentato di definirlo, ragazzi nudi ma non mi risulta che la ricerca si sia conclusa con un risultato da tutti condiviso. Pertanto ogni generazione, se non addirittura ogni individuo, deve definirne ex novo il significato.

A questo proposito vorrei parlare in base alla mia esperienza personale, ma anche a nome della mia generazione. A ventun anni, quando studiavo a Monaco ed ero ancora ignaro del linguaggio della trascendenza, per mesi amai follemente un’amica di mia sorella. Il suo altalenare dalla totale apertura all’estrema riservatezza ora me l’avvicinava, ora me l’allontanava.

Un giorno andai a farle visita a casa e per tutto il tempo me ne stetti lì seduto a osservarla mentre cuciva, e lei sopportò la mia presenza. Mentre i miei pensieri le ruotavano intorno, a un tratto mi resi conto che io non esistevo più per me stesso, avevo occhi, orecchie e sensazioni solo per lei.

Non sempre ci lasciamo sopraffare in tal modo dall’amore. Esistono anche forme affettive più salutari, in cui le esigenze del proprio organismo hanno pari rilevanza rispetto a quelle della persona amata. In ogni modo l’amore è sempre dono di sé, capacità di rivolgersi all’altro, dedizione e devozione verso qualcuno o qualcosa.

Infine, l’amore prescinde dall’oggetto. amore e sesso tantrico Se siamo consapevoli della nostra capacità di rivolgerci all’altro, questa può sussistere anche se l’oggetto si trasforma. Di conseguenza un oggetto (presumibilmente) uguale può cambiare, pressappoco come cambiano i partner nelle relazioni amorose.

Oppure l’oggetto si trasforma, come quando l’amore del Dalai Lama benedice prima un uditorio e poi un altro. In tal senso l’amore è uguale alla meditazione.

La strada che – passando attraverso l’altro, il partner, l’oggetto di venerazione e l’amore – conduce a questa sacra condizione è in ogni caso assai bella e naturale. Come dice la parola stessa, l’amore incondizionato non accetta condizioni, è indipendente dall’oggetto, va oltre le circostanze; da questo punto di vista è quindi uguale alla meditazione.

Liberamente tratto da “Tantra – il gioco dell’amore” di W.S. Schneider

Segnalibro e Share
 Posted by at 13:23

  2 Responses to “Amore è meditazione”

  1. Interesting story / Interessante storia… Luigi Italy

  2. Veramente un bell’articolo! non sappiamo cosa sia l’uomoma senz’altro la via tantrica e’ di grande aiuto nella scoperta di se stessi.

 Leave a Reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

(required)

(required)