Nov 212008
 

Mi sento felice
quando in una sera o mattina d’estate il mio sguardo attento,
colmo d’amore, sogno saffico ti parla, e si racconta  quanto ti ha amato,
quando, la notte scorsa, vestendomi da anima,  da sentimento puro, ho preso le tue sembianze.
Con decisione ti ho stretta forte, mi sono messa sopra di te, in quella posizione che adoro, bocca su bocca, tette contro tette, pube  sopra pube…

Piano piano sono entrata, tramite il respiro, dentro di te, e con i tuoi occhi, mi sono guardata.
E ho visto il volto di una donna, i capelli, mogano e mossi, scompigliati, incorniciavano uno sguardo azzurro e innamorato che rapiva il mio, stupito e felice di leggervi tanto.

Com’è strano scambiarsi di posto, di corpo, e di pensiero…
Vederti come tu mi vedi,
baciarti come tu mi baci
desiderarti e averti come tu lo fai….

Sei tu che senti me come io sento che mi senti…
Oppure sono io che ti sento come fossi tu a sentirmi?

Venti minuti vissuti in uno sdoppiamento personale e cosmico
sono tanti per chiunque.
Apro e chiudo gli occhi più volte,
riconosco la tua schiena nuda, il fondoschiena;  più giù quel cuoricino tatuato…
e tiro un sospiro di sollievo:
ciao amo, meno male sei qui e sei tu!
Con gli occhi abbottonati mi guardi e accenni un sorriso,
non capisci quello che dico,
ma contenta ti stringi stretta a me
ed io so, con certezza,  che hai capito ciò che non ho avuto bisogno di dire.

Segnalibro e Share

  One Response to “Chi sei?”

  1. Keep Reading

    Chi sei?

 Leave a Reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

(required)

(required)