Gen 152009
 

Per la donna il rapporto orale dovrebbe essere ogni volta un’esperienza positiva.

Non c’è nessun bisogno che soffra nel dare piacere all’uomo. E infatti è possibile renderlo un’operazione facile e comoda, grazie ad un meccanismo automatico di cui sono dotati gli uomini e che può rendere le cose molto più semplici.

Il momento in cui la donna sente dolore o stanchezza pompini alla mascella sembra coincidere con quello in cui tutti gli uomini, di qualunque razza o colore, reclinano la testa all’indietro e con gli occhi chiusi cominciano a dondolarla lateralmente in uno stato di beatitudine.

Quando nota che l’uomo ha raggiunto questo stadio, la donna può togliere la bocca dal pene, far riposare la mascella e andare avanti con la mano; lui non se ne accorgerà neanche.

Dopo un po’ però noterà che qualcosa è cambiato e guarderà giù per veder cosa succede. A quel punto lei riprenderà lestamente a stimolare il pene con la bocca e lui tornerà alla sua esperienza paradisiaca. Dopo le prime volte comincerà ad apprezzare anche tutto quello che la partner sa fare con la mano.

Liberamente tratto da “Marte e Venere in camera da letto” di John Gray

Segnalibro e Share
 Posted by at 12:46

 Leave a Reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

(required)

(required)