Ott 272009
 

Eccitante per tal une persone, fino a qualche tempo fa veniva usata in buona fede per “impedire la masturbazione”. Come per i vestiti, il divertimento alla fin fine consiste soprattutto nel toglierla.

Ce ne sono alcune che non impediscono nemmeno il coito. troie super I tipi corredati da aggeggi stimolanti, vibratori e cose del genere, ci sembrano più interessanti ma costano uno sproposito.

Le prime apparse sul mercato, nel tredicesimo secolo, non avevano lo scopo di impedire alla donna di avere rapporti con altri uomini: erano piuttosto usate per impedire gli stupri (di solito la donna aveva la chiave).

Alcune donne venivano addirittura sepolte con la cintura indosso per impedire uno stupro post-mortem.

L’unico gioco erotico divertente che abbia a che fare con le cinture di castità consiste nel cercare di scoprire, quando la donna ha le mestruazioni, in quanti modi sia possibile avere orgasmi reciproci nonostante lei indossi un cache-sex attillatissimo.

Ne esistono anche versioni maschili: molti le trovano interessanti e probabilmente nel rapporto sessuale le usano per ritardare il più possibile l’orgasmo. Sono aggeggi costosissimi: se proprio ne volete una, vi consigliamo di farvela da voi.

Liberamente tratto da “La gioia del sesso” di Alex Comford

Segnalibro e Share
 Posted by at 12:38

 Leave a Reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

(required)

(required)