Ago 192008
 

Avendo quindi acquisito tutti gli insegnamenti necessari, un uomo, con la ricchezza che può aver ricevuto per dono, conquista, acquisto, deposito o per eredità dai suoi antenati dovrebbe divenire Grihastha [padrone] e condurre la vita del cittadino.

Dovrebbe prendere casa in città o in un grande villaggio, o nelle vicinanze di uomini dabbene, o in un luogo di intensa frequentazione. La dimora dovrà essere situata nei pressi dell’acqua e divisa in differenti spazi a seconda della destinazione. Dovrà essere circondata da un giardino e contenere due appartamenti, uno interno e l’altro esterno. Quello interno dovrà essere occupata dalle donne, mentre quello esterno, olezzante di profumi deliziosi, dovrebbe ospitare un letto, morbido, piacevole alla vista, coperta da una tela bianca e pulita, più basso al centro e con ghirlande e mazzi di fiori a ornare le pareti sopraelevate, un baldacchino e due cuscini, uno in cima, l’altro in fondo.

donne nude kamasutra

Ci dovrà anche essere una specie di divano e, all’estremità di esso, uno sgabello sul quale saranno poste essenze fragranti per la notte, nonché fiori, collirio in recipienti, altre sostanze odorose, quelle per profumare la bocca e infine corteccia di cedro comune. Vicino al divano, per terra, ci dovranno essere una sputacchiera e un cofano contenente ornamenti, mentre un liuto sarà appeso a un gancio ricavato da una zanna di elefante; si devono poi prevedere una tavola per disegnare, un recipiente contenente profumo, alcuni libri e qualche ghirlanda di fiori d’amaranto. Non lontano dal divano ci dovranno essere un sedile rotondo, un carrello e una tavola per giocare a dadi; all’esterno si dovranno trovare gabbie di uccelli e un luogo separato per filare, intagliare e altre cose simili. Nel giardino saranno disponibili un’altalena e un dondolo, nonché un pergolato coperto di rampicanti e fiori, provvisto di una panca per sedersi.

Il padrone di casa, dopo essersi alzato la mattina e aver espletato le sue necessità organiche, dovrebbe lavarsi i denti, mettersi una quantità contenuta di unguenti e profumi, ornare la sua persona, spargere le palpebre superiori e inferiori di collirio, colorare le labbra di alacktaka e guardarsi allo specchio. Avendo poi mangiato foglie di betel assieme ad altre cose che danno alla bocca un piacevole odore, dovrebbe occuparsi dei suoi soliti affari. Dovrebbe fare il bagno e spalmare il suo corpo d’olio quotidianamente, gnocca nuda applicare un detergente schiumoso ogni tre giorni, rasarsi la testa (incluso il viso) ogni quattro giorni  e le altre parti del corpo ogni cinque o dieci giorni. Tali pratiche dovranno essere seguite scrupolosamente; inoltre va rimosso anche il sudore dalle ascelle. I pasti, secondo Charayana, vanno consumati il mattino, il pomeriggio e la sera. Dopo colazione si insegni a parlare ai pappagalli e altri uccelli e si assista ai combattimenti di galli, quaglie e arieti. Un ristretto arco di tempo va dedicato a svaghi teatrali con Phithamardas, Vitas e Vidushakas, dopodiché ci si dedicherà alla siesta. Quindi il padrone di casa, avendo indossato vesti ed ornamenti, riserverà il pomeriggio alla conservazione con gli amici. La sera ci saranno canti, dopo i quali il padrone di casa, assieme agli amici, dovrà attendere nella sua stanza, precedentemente decorata e profumata, l’arrivo della donna a cui sia legato oppure manderà una messaggera da lei o vi si recherà di persona. Giunta che sia, l’uomo, in compagnia degli amici, le darà il benvenuto e la intratterrà con una conservazione amabile e gradevole. Così hanno termine le normali incombenze della giornata.

Le cose seguenti sono invece da farsi occasionalmente, come svago o per diletto:

  1. organizzazione di festeggiamenti in onore delle diverse divinità
  2. ricevimenti mondani con invitati di entrambi i sessi
  3. libagioni
  4. colazioni all’aperto
  5. altre ricreazioni sociali
Segnalibro e Share
 Posted by at 10:53

 Leave a Reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

(required)

(required)