Mar 152009
 

In questa posizione la donna può muoversi liberamente e, siccome l’uomo è piuttosto immobile, può dirigere bene il gioco erotico.

È lei che dà il ritmo e che regola l’angolo della penetrazione tette grosse per essere toccata al punto G. a differenza delle posizioni precedenti, in questa può tenere il contatto visivo e rendere l’incontro più intimo.

Entrambi si possono toccare e accarezzare. Il piacere al punto G viene condiviso nella coppia, specialmente se la donna si apre emotivamente e lo esprime con la mimica, con suoni e muovendo la testa.

In questa posizione l’uomo potrebbe aggiungere una pressione sulla pancia della donna immediatamente sopra l’osso pubico, mentre lei lo cavalca, stimolando il punto G simultaneamente dall’esterno e dall’interno.

Liberamente tratto da “Il punto G: una guida tantrica al mistero della sessualita’ femminile” di Eldmar e Michaela Zadra

Segnalibro e Share
 Posted by at 13:46

 Leave a Reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

(required)

(required)