Dic 282008
 

Ogni volta che in una seduta di gruppo dichiaro che gli uomini desiderano appagare le donne, le donne rimangono quasi tutte alquanto perplesse.

Automaticamente pensano: «Se si preoccupa tanto del mio appagamento, allora perché ha tanta fretta di soddisfare se stesso?». sesso estremo Dopo aver compreso in che modo  noi uomini differiamo dalle donne diventerà facile rispondere a questa domanda.

Pur desiderando gratificare la donna, gli uomini commettono l’errore di ritenere che quello che gratifica loro gratifichi anche lei. L’uomo è convinto che come il piacere femminile lo eccita e appaga, così la donna sia appagata da quello maschile. Non sa d’istinto che le occorre più tempo, né si rende conto di tutti gli altri requisiti che occorrono alle donne per ottenere gratificazione dal sesso.

Come ho ripetuto già varie volte, l’appagamento sessuale della donna è molto più complesso di quello maschile. Alla donna occorrono un uomo dal tocco abile, tanto tempo e tenerezza. All’uomo basta partire e l’orgasmo è praticamente scontato.

Del suo problema ci occuperemo più avanti: è la possibilità che l’orgasmo avvenga troppo presto. L’uomo ritiene che sia la donna a impiegare troppo tempo, mentre la donna ritiene che sia lui troppo veloce. Questo problema si può risolvere facilmente: facendo capire all’uomo come prolungare l’esperienza sessuale per soddisfare i bisogni fondamentali della donna. Una volta appagata sessualmente, la donna può tollerare meglio quelle occasioni in cui lui non vuole impiegare troppo tempo.

In realtà gli uomini e le donne sono perfettamente compatibili. Nei momenti in cui la donna è come la luna piena e ha bisogno di un orgasmo, l’uomo può portarla all’apice del godimento. Nei momenti in cui la luna è a metà o calante, la donna può appagare il bisogno di contatto fisico lasciando godere l’uomo liberamente in pochi minuti come prevede la sua struttura biologica.

A volte possono desiderare insieme di farlo durare tanto per procurare l’orgasmo alla donna, mentre altre, quando lei non è in vena di avere un orgasmo, lui può godere della massima libertà di lasciarsi andare fino all’orgasmo. Se in quei momenti è come un velocista lanciato verso il traguardo, in altri sarà come un fondista e dovrà imporsi un passo tale da durare finché sarà necessario.

Liberamente tratto da “Marte e venere in camera da letto” di John Gray

Segnalibro e Share
 Posted by at 12:44

  One Response to “Perché le donne sono sorprese”

 Leave a Reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

(required)

(required)