Feb 192010
 

Pornografia: titolo dato a tutta quella letteratura che qualcuno vorrebbe eliminare ad ogni costo.

Alla maggior parte della gente normale piace leggere libri che hanno come argomento il sesso, e questo spiega perché la gente anormale spenda tanto tempo e denaro nel tentativo di impedirne la circolazione.

L’unico inconveniente del porno sesso commerciale che si trova in giro è che, zoccole scopate essendo basato sulla fantasia (e spesso si tratta di fantasie irreali), non è di molto aiuto nella pratica sessuale.

La descrizione di qualunque tipo di comportamento sessuale da noi descritto aiuta la gente a visualizzarlo. Le storie porno hanno la tendenza a essere noiose, ripetitive e scarsamente credibili.

Inoltre, le fantasie sessuali decisamente antisociali, come episodi di torture e roba del genere, preoccupano i legislatori, timorosi che qualche idiota si senta spinto a metterle in pratica.

È altrettanto possibile che questo tipo di storie, permettendo a individui non molto intelligenti di sfogare queste loro esigenze socialmente inaccettabili a livello fantastico, riescano in effetti a impedire che le commettano nella realtà ma non si hanno prove inconfutabili a favore dell’una o dell’altra ipotesi.

Le coppie normali possono impiegare costruttivamente la pornografia, nell’esatta misura in cui questa è “ben fatta”, vale a dire descrive attività sessuali possibili, accettabili e piacevoli, oppure fantasie irrealizzabili, ma eccitanti. Il sesso è più bello se si usa la fantasia.

Si può dire che sia proprio questo, in generale, lo scopo della letteratura. I libri di argomento sessuale aiutano molta gente, uomini e donne, a giungere più rapidamente e con meno inibizioni al momento dell’amore.

Si devono usare come gli appassionati di football usano i libri che parlano di questo sport, anche se nei libri i giocatori hanno capacità sovrumane.

Non è vero che la letteratura erotica ecciti soltanto gli uomini: è vero invece che anche le donne si possono eccitare molto, soprattutto se il libro è scritto tenendo conto delle loro esigenze e del loro tipo di sensibilità.

Se siete dotati di abilità letterarie o artistiche, servitevene per esprimere pienamente le vostre fantasie erotiche anche in privato, tra di voi. Quasi tutti gli artisti e gli scrittori più conformisti l’hanno fatto, anche se non ne hanno dato alle stampe i frutti.

È un modo di affrontare le cose che non si può o non si desidera fare nella realtà: una specie di complemento dei sogni o dei giochi erotici.

La possibilità che la letteratura pornografica capiti nelle mani dei bambini spaventa molta gente. Se si tratta solo di storie in cui il sesso è visto sotto una luce normale, questa paura probabilmente è ingiustificata: i bambini si annoiano in fretta.

In realtà, l’inconveniente principale – e quindi da non sottovalutare – sta piuttosto nel fatto che, sesso pornografico nella maggior parte dei casi, la pornografia clandestina è molto brutta: ne basta poca per disgustare un adulto.

Un certo tipo di materiale pornografico per adulti, specialmente se si tratta di materiale insolito o sadico, potrebbe spaventare davvero un bambino, anche se non più di certi libri non erotici, come quelli di guerra o di storia sacra.

Se vedete del materiale pornografico nelle mani dei vostri bambini, ricordate in ogni caso che la cosa peggiore è mettersi a urlare.

Per gli adolescenti la letteratura pornografica probabilmente è innocua, a meno che non abbiano gravi disturbi sessuali.

Abbiamo preso in esame la letteratura pornografica, ma lo stesso vale per il porno multimediale come film o video scaricati da internet. A tale proposito va ricordato che esistono efficaci software per impedire ai bambini di visitare accidentalmente siti porno. Inoltre i bambini, quando navigano in rete, dovrebbero avere al loro fianco un adulto che li guidi.

Liberamente tratto da “La gioia del sesso” di Alex Comford

Segnalibro e Share
 Posted by at 15:01

  One Response to “Pornografia”

  1. A me è capitato del materiale pornografico da bambina e dopo aver guardato alla fine ho voluto sperimentare. Ancora a desso spesso cerco di mettere in scena alcune storie di quei fumetti. Io credo che le cose che fanno male veramente ai bambini siano altre, magari non ricevere abbastanza affetto dai genitori, ecco, questo può essere molto distruttivo.

 Leave a Reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

(required)

(required)