Mar 042009
 

In questa posizione la donna si sente accudita dietro e libera davanti.

Può muovere bene il bacino e le mani, e avendo il petto libero da pressioni sesso pompini può seguire il proprio ritmo del respiro.

Lei può essere accarezzata da lui, ma viceversa è difficile. Perciò la posizione da dietro è appropriata per la donna che durante le prime esperienze attive con il punto G vuole centrarsi più su se stessa che sul partner.

Per aggiungere una stimolazione più conosciuta può toccarsi facilmente il clitoride.

Per avere un buon grounding e per far partire la spinta pelvica dalle gambe anziché dai muscoli addominali, conviene a entrambi assumere questa posizione con i piedi rivolti verso la parete e non verso la parte libera del letto.

Liberamente tratto da “Il punto G: una guida tantrica al mistero della sessualità femminile” di Eldmar e Michaela Zadra

Segnalibro e Share
 Posted by at 13:14

 Leave a Reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

(required)

(required)