Set 182008
 

Il primo bacio da donna a donna.

Il mio nome è Hannah; troppo tempo è passato da quando per la prima volta, ho baciato  una donna; eppure quel momento è stampato nella mia memoria a caratteri di fuoco, indelebili, le sensazioni che ho provato sono vive in me ancor oggi, e non credo di esagerare se dico che è uno dei ricordi più belli … ma attenzione, è un ricordo -non – ricordo, dato che da quel momento non ho più smesso di baciare le donne.

Per una donna, il bacio, è l’inevitabile inizio, l’approccio con l’altra persona, il primo scambio di intimità ed è molto importante…per una donna gay l’importanza del bacio si amplifica fino a diventare linfa vitale di un rapporto d’amore.

Nella mia belle donne sexy esperienza da etero ho notato che, non dico sempre, ma spesso gli uomini pensano di avere al posto della lingua un’appendice di pene, un secondo pene più piccolo da introdurre in quella cavità che si chiama bocca; non fai in tempo ad avvicinare le labbra che quella lingua impaziente sta già titillando le tonsille o succhiando la tua lingua come se volesse strapparla, spesso le sue labbra premono sulle tue tanto che per respirare devi riprendere fiato… ma dove siamo, dal dentista?

Non ho provato niente di tutto questo quando ho baciato una donna…

Le nostre labbra si sono avvicinate piano,  protese e attratte verso la bocca dell’altra da un’invisibile calamita, si sono sfiorate, aperte; la lingua inizialmente timida, faceva capolino, umettando quelle labbra che diventavano sempre più morbide, bagnate e vogliose di conoscersi… respirandoci in bocca ci scambiavamo un’intimità ancora sconosciuta ma che aveva tutte le premesse per diventare familiare, amata.

La punta della lingua, facendosi più audace entrava  cercando l’altra lingua, toccandosi e lasciandosi, e poi di nuovo in un’altalena di emozioni sempre più forti… anche il nostro respiro era diventato più frequente e concitato, le mani sfioravano il viso dell’altra, accarezzando i capelli;  la stretta delle mie dita da dietro la nuca si è fatta più forte, attiro la sua bocca verso la mia con più decisione adesso e prendo la sua lingua fra le mie labbra, succhiandola piano e poi di nuovo cerco il contorno esterno della sua bocca, le nostre salive e i nostri respiri si confondono, il suo sapore mischiato al suo odore mi piace tanto; lei è sopra di me e i nostri corpi sono stretti, uniti, suggellati da questo bacio infinito, da centinaia di baci mai interrotti…e tra i tanti respiri in un attimo,riesco a cogliere il suo sguardo, quello sguardo “fatto”d’amore, velato di complicità e momentanea abnegazione, quanto li amo questi occhi verde bosco!

Ma come è successo?

Avevo conosciuto questa ragazza un giorno che la mia moto, una vecchia guzzi faceva i capricci… pioveva e non riuscivo a farla ripartire.. anche lei aveva la moto, mi si è avvicinata e con il sorriso più accattivante del mondo mi ha chiesto: posso aiutarti? Io mi sono girata verso di lei e nella pioggia ho visto due occhi maliziosi, uno sguardo gentile e profondo, di vecchia  intesa… ma come ha fatto a capire, come ha fatto a riconoscermi, una fra mille, è stata brava, perché ha letto il mio desiderio lesbico prima di me, prima che io ne fossi realmente consapevole.

Da quel giorno ci vedevamo spesso, la incontravo ovunque, parlavamo di tutto, come ci conoscessimo da sempre, a volte le nostre mani si sfioravano, i nostri sguardi sembravano incollati e spesso le nostre bocche erano vicine, troppo vicine… mi sentivo terribilmente attratta da quella bocca, le sue labbra morbide e carnose mi turbavano come non era mai successo prima; mentre parlava, non riuscivo a distogliere gli occhi dalla sua bocca… lei deve essersene accorta perché un giorno, dopo una settimana che ci eravamo conosciute, così, a bruciapelo mi ha detto: mi piaci tanto, posso darti un bacio?

Non ho avuto il tempo di pensare o di rispondere che mi sono ritrovata la sua bocca incollata alla mia, e quel bacio, già ampiamente descritto sopra, è stato il primo di un ancor oggi infinita serie, ed è stato semplicemente perfetto.

Ricordo donne nude lesbo di aver pensato di aver sempre sognato  e desiderato di baciare una donna, di essere stata una stupida a non averlo fatto  prima.. per la prima volta avevo trovato una persona che baciava come me, che amava baciare come me, che il respiro trasportava l’anima e non solo la voglia di arrivare alla penetrazione prima possibile.

Un viso morbido e liscio da sfiorare con il mio senza barba o baffi, e come diceva Battisti “due labbra rosse sulle quali morire…”.

Quel giorno mi si è aperto un intero universo dal quale non mi sono mai più allontanata, e benché fossi impaurita da ciò che mi stava accadendo, ne ho riconosciuto subito la portata, ho realizzato dall’inizio che sarebbe stato un viaggio a senso unico, senza ritorno, senza ripensamenti… e cosi è stato.

Eppure, vi sembrerà strano, ma pur con tutto il suo bagaglio di paure, di incertezze, di confusione mentale e pregiudizi, quel bacio mi è sembrato, la cosa più naturale di questo mondo, la cosa adatta a me,  il mio yan, ciò che mi completava, ciò di cui avevo sempre avuto bisogno.

LOTTA DURA SENZA  PAURA  sapevo che tutto ciò almeno ai tempi in cui è successo a me  non sarebbe stato facile, che sarei comunque andata  contro corrente; adesso avere un’amica particolare, essere gay  è quasi una moda ed è più o meno accettato, ma negli anni settanta non era esattamente cosi…

Sapevo di essermi messa in un gran casino e con la famiglia, con le amiche e per finire, con la società , ma niente mi spaventava a tal punto dal pensare di rinunciare a quello che avevo appena scoperto: l’intensità di quei baci, il mio desiderio sempre più forte di andare oltre, passavo le ore a immaginare come sarebbe stato essere nude, una sopra l’altra, i corpi avvinghiati e inseparabili come le nostre bocche… ma questa è un’altra storia.

Segnalibro e Share

  16 Responses to “Racconti saffici di una vita vissuta”

  1. Veramente intrigante pur essendo uomo.
    L’unica cosa che posso solo dire è che non tutti gli uomini baciano mettendoti subito la lingua in bocca.
    E’ solo un problema di sentimento o al massimo, escludendo l’amore, di classe e rispetto per le donne.

    Garland

  2. Posso?? sei semplicemente una grande. Auguroni.

  3. complimenti continua così

  4. ciao lulu, scusa il ritardo grazie per l’incoraggiamento se hai degli scritti mi piacerebbe scambiarli… a presto.

  5. brava anchio sono uomo ma di fronte a tanta voglia di essere ciò che si sente non c’è che eloggiarti ciao “paki”

  6. IO SONO DONNA E MI SONO INNAMMORATA DI UNA DONNA LEI PRIMA MI
    GUARDAVA AMICHEVOLMENTE ORA IO MENE SONO INNAMMORATA
    E INVECE LEI DA TEMPO NON LA VEDO PIU LULTIMA VOLTA CHE LO VISTA HA FATTO FINTA DI NON VEDERMI PERCHè.

  7. Descrizione molto romantica !!! Però mi chiedo se una soltanto delle due deliziose fanciulle ha appena pranzato con trofie al pesto che cosa succede ???

  8. Che significa : “Il tuo commento è in attesa di moderazione” ???

  9. Che significa : “Il tuo commento è in attesa di moderazione” ???

    Significa che prima di essere pubblicato un amministratore lo controlla e se non è spam, offensivo ecc… lo rende leggibile a tutti.

    Solitamente questa trafila viene eseguita al primo post, poi, una volta approvato, il sistema dovrebbe riconoscere automaticamente l’autore e quindi lo pubblica direttamente.

  10. Anche il mio primo bacio con una ragazza è stato stupedo – qualla complicità, quel quid in più che non mai trovato con un ragazzo. Anche se sono ancora fortemente attratta dall’altro sesso, con quel bacio si è aperta una porta che non ho intenzione di richiudere 🙂

  11. ho una matta voglia di baciare una donna…non ce la faccio piu’…che racconto sublime…

  12. ciao Vale!E’ vero, non chiudere questa porta…se solo un bacio ti ha fatto provare simili emozioni io andrei avanti..tanto se incontri la ragazza giusta è tutto facile e spontaneo…auguri di cuore!

  13. Bel racconto… Molto attraente.. Molto convolgenteIo.. Brava, scrivi molto molto bene… Sembra che a tutte vada meglio tranne che a me.. Io invece mi sono innamorata di punto in bianco di una ragazza… Così… Un’uscita solo alla sera, lei amica di una mia amica, e accompagnandola ogni mattino in giro per dieci minuti, sentendola spesso per messaggio…ho finito con l’innamorarmene dopo poco più di due mesi…come un’uragano che ti travolge improvvisamente. Il primo sabato di ottobre… Beh glielo detto…anche perché l’avevano capito… Ho insistito per un paio di giorni… Alla fine l’ho lasciata perdere… Ha incominciato ad evitarmi così come la nostra amica.. Ci ho litigato, ho detto chiaro e tondo che i loro comportamenti dietro le mie spalle è stato scorretto…e poi? Beh…poi la mia lei mi ha mandato un messaggio che m’ha distrutto “Senti cara..Esci dalla mia vita”. Ho perso le speranze e ho perso tutto…però solamente con lei ho provato la sensazione di vertigine, le gambe cedevoli se era accanto a me…la voce tremante, il non riuscir a staccare il pensiero da lei… E quando mi baciava sulla guancia…o per un’istante ci tenevamo per mano era una sensazione unica… Vorrei averla, però so che non l’avrò mai…ma la vita è questa, bene o male va vissuta comunque vada… L’amo…questo è sarà così incondizionatamente…

  14. potremmo provare insieme… davvero!! io ho provato una cosa simile ad ancora la vedo. non riesco a fare a meno di lei

  15. Primo bacio lesbo? Un esperienza fantastica…a dir poco indimenticabile.. come quell amore che ancora adesso provo per lei…

 Leave a Reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

(required)

(required)