Dic 232008
 

Una volta, mentre mi stavo svestendo per andare a dormire, ho lanciato un occhiata a mia moglie. Improvvisamente mi ha sesso sfrenato indimenticabile solleticato l’idea di fare l’amore.

Le ho domandato: «Questa mattina abbiamo fatto l’amore?»
Lei ha sorriso rispondendo ironicamente: «Sì. Un’esperienza davvero indimenticabile».
Non ho potuto fare a meno di scoppiare a ridere.

Per me questo scambio di battute è illuminante. Descrive benissimo la differenza tra il sesso quotidiano e il sesso indimenticabile. E una vita sessuale appagante comprende tanto il primo quanto il secondo.

Persino i grandi amatori si dimenticano facilmente dei virtuosismi accontentandosi della routine del sesso quotidiano.

L’uomo in particolare a questa tendenza a dimenticare. Non che non gli interessi: semplicemente tende a dimenticarsi quello che è importante per la donna.

Gli uomini sono per natura portati all’efficienza; se vedono che venti minuti di preambolo funzionano, un impulso dal subconscio subito dice: «Vediamo un po’ se bastano anche dieci». Così dimenticano automaticamente il bisogno femminile di avere più tempo.

Liberamente tratto da “Marte e venere in camera da letto” di John Gray

Segnalibro e Share
 Posted by at 14:06

 Leave a Reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

(required)

(required)