Ago 072008
 

L’uomo dovrebbe studiare il Kamasutra e le arti e le scienze relative, oltre che coltivare le arti e le scienze contenute nel Dharma e nell’Artha. Anche le fanciulle dovrebbero studiare il Kamasutra, assieme alle arti e le scienze, prima del matrimonio, dopodiché dovrebbero continuare a farlo con il permesso dei loro mariti. A questo proposito alcuni uomini colti obbiettano e affermano che le donne, a cui non è concesso di studiare alcuna scienza, non dovrebbero studiare il Kamasutra.

Ma Vatsyayana sostiene che questa obiezione non vale perché le donne conoscono già la pratica del Kamasutra e che tale pratica deriva dal Kamashastra, Vecchie donne porche ovvero la scienza stessa del Kama.  Inoltre, non accade solo in questo caso ma anche in molti altri che, nonostante la pratica di una scienza sia nota a tutti, solo pochi siano a conoscenza delle regole e delle leggi su cui essa si basa. Difatti gli Yajnikas [sacrificatori], benché ignoranti della grammatica, fanno uso di termini appropriati quando si rivolgono alle differenti divinità, tuttavia ignorano come tali parole siano composte. Ancora, vi sono alcuni che assolvono ai doveri prescritti nei giorni fausti, fissati dall’astrologia, senza per questo essere versati in tale disciplina. Allo stesso modo coloro che montano cavalli e elefanti addestrano questi animali senza conoscere i principi teorici dell’addestramento, basandosi solo sull’esperienza. Similmente le genti delle provincie più remote obbediscono alle leggi del regno per esperienza e perché vi è un re sopra di loro, senza ulteriori ragioni. E l’esperienza ci insegna che certe donne, quali figlie di principi e di ministri e donne pubbliche, sono effettivamente versate nel Kamashastra.

Una donna, quindi, dovrebbe imparare il Kamashastra, o almeno parte di esso, avvalendosi dell’insegnamento pratico fornito dalle amiche intime. Dovrebbe studiare da sola, in privato, le sessantaquattro pratiche che costituiscono una parte del Kamashastra. Dovrebbe fungere da maestra una delle seguenti persone: una sorella di latte cresciuta con lei e già sposata, un’amica di cui abbia completa fiducia oppure la sorella della madre (vale a dire la zia), una vecchia serva, una mendicante che sia in passato vissuta in famiglia, oppure la sorella, di cui potrà sempre fidarsi.

Si da l’elenco delle arti che devono essere apprese assieme al Kamasutra:

  1. canto
  2. uso degli strumenti musicali
  3. danza
  4. danza, canto e uso degli strumenti musicali insieme
  5. scrittura e disegno
  6. tatuaggio
  7. decorazione e addobbo di un idolo con riso e fiori
  8. allestimento di aiuole e composizione floreale
  9. colorazione di denti, indumenti, capelli, unghie e corpi,  ovvero tintura, spalmatura, verniciatura e pittura degli stessi
  10. inserzione di vetri colorati in un pavimento
  11. preparazione dei letti a disposizione di tappeti e cuscini per distendersi
  12. produzione di suoni musicali da bicchieri pieni di acqua
  13. raccolta e riserva d’acqua in cisterne e serbatoi
  14. pittura, decorazione e arredamento
  15. realizzazione di rosari, collane, ghirlande e corone
  16. confezione di turbanti e acconciature floreali
  17. rappresentazioni sceniche; recitazione
  18. confezioni di ornamenti per orecchie
  19. preparazione di profumi ed essenze
  20. appropriata disposizione di gioielli e decorazioni, cura dei particolari nell’abbigliamento
  21. magia e stregoneria
  22. prestidigitazione
  23. arte culinaria, vale a dire preparazione e presentazione appropriata del cibo
  24. preparazione di limonate, sorbetti, bevande acidulate ed estratti alcolici dal giusto gusto e colore
  25. lavori di taglio e cucito
  26. confezione di pappagalli, fiori, fiocchi, nappe, grappoli, rilievi, nodi, eccetera, con fili e matasse
  27. soluzione di indovinelli, enigmi, doppi sensi, scioglilingua e rompicapo
  28. abilità nel gioco di ripete versi in cui, quando una persona finisce, l’altra deve iniziare subito con un latro verso che inizi con la stessa lettera con cui finiva il verso appena recitato: chi fallisce è considerato perdente e deve pagare un pegno o fare una penitenza
  29. arte della mimica e dell’imitazione
  30. lettura, salmodia e lettura ritmica comprese
  31. abilità nella pronuncia di scioglilingua: è considerato un gioco, specialmente da donne e bambini, il proporre una frase difficile che, ripetuta velocemente, può dare adito a scambi di lettere e errori di pronuncia
  32. pratica di spada, bastone, randello, arco e freccia
  33. esercizi di logica
  34. falegnameria
  35. architettura, ovvero arte del costruire
  36. conoscenza di monete d’oro e d’argento, di gioielli e gemme
  37. chimica e mineralogia
  38. colorazione di gioielli, gemme e perle
  39. conoscenza di miniere e cave
  40. giardinaggio: conoscenza del trattamento delle malattie di alberi e piante, del modo di nutrirle e datarle
  41. arte del combattimento di galli, quaglie e arieti
  42. arte di insegnare a parlare a pappagalli e storni
  43. arte dello spalmare unguenti profumati sul corpo e di trattare i capelli con unguenti e profumi, nonché di intrecciarli
  44. arte di comprendere le scritture in codice e di scrivere parole in modi particolari
  45. arte di parlare cambiando forma alle parole (ci sono vari modi: alcuni parlano cambiando l’inizio e la fine delle parole, altri aggiungendo lettere non necessaria tra ogni sillaba di ogni parola, e così via )
  46. conoscenza delle lingue e dei dialetti
  47. arte di preparare carri ornati di fiori
  48. arte di incorniciare diagrammi mistici, di pronunciare formule magiche e di fabbricare armille
  49. esercizi mentali consistenti nel completare strofe o versi dopo averne sentita una parte, oppure nell’aggiungere uno, due o tre versi, essendo i restanti presi a caso da strofe diverse, così da creare nell’insieme un verso intero dotato di un significato, o ancora nell’ordinare la parole di un verso scritto in modo irregolare separando le vocali dalle consonanti, o escludendole, o infine nel mettere in versi o in prosa frasi rese mediante segni o simboli (esistono molti altri esercizi simili)
  50. composizione di poesie
  51. conoscenza di dizionari e vocabolari
  52. conoscenza dei modi di cambiare e mascherare l’aspetto delle persone
  53. conoscenza dei modi di cambiare l’aspetto delle cose, per cui il cotone appaia seta, o oggetti rozzi e comuni appaiano belli e raffinati
  54. vari tipi di giochi d’azzardo
  55. arte di ottener il possesso di proprietà altrui mediante mantra e incantesimi
  56. pratica di esercizi fisici sostenuti
  57. conoscenza delle regole della società e delle forme appropriate nelle relazioni sociali e mondane
  58. conoscenza di quanto concerne la guerra e le armi
  59. conoscenza della ginnastica
  60. arte di capire il carattere di un uomo dai suoi tratti
  61. capacità di scandire o coniare versi
  62. giochi matematici
  63. fabbricazione di fiori artificiali
  64. creazione di figure e immagini in creta

Una donna pubblica Scopate asiatiche di buon carattere, bella e dotata di altre qualità vincenti nonché abile nelle arti suddette ottiene il nome di ganika, o donna pubblica di alta qualità, e riceve un posto d’onore in una riunione di uomini. È inoltre sempre rispettata dal re e apprezzata da uomini saggi; essendo il suo favore ricercato da tutti, diviene oggetto di rispetto universale. Anche le figlie di un re o di un ministro, essendo preparate nelle suddette arti, possono assicurarsi i favori dei mariti, anche se questi avessero migliaia di mogli. Così, se una moglie si separa dal marito e cade in disgrazia, si può mantenere facilmente, anche in un paese straniero, attraverso la conoscenza di queste arti. Anche la loro semplice conoscenza rende attraente una donna, benché la loro pratica possa essere possibile solo in particolari circostanze. Un uomo versato in tali discipline, per di più loquace e conoscitore delle arti della galanteria, guadagna molto presto il cuore delle donne anche se lo conosce da poco.

Segnalibro e Share
 Posted by at 06:59

 Leave a Reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

(required)

(required)