Gen 102009
 

Questo aggeggio si è dimostrato molto utile per insegnare alle donne inesperte a stimolare le proprie reazioni.

I vibratori sono di due tipi: quelli a forma di pene, che si usano sulla pelle, sui seni, sulla clitoride oppure si inseriscono profondamente nella vagina sesso sfrenato con vibratore (i modelli piccoli possono venire introdotti nell’ano); e quelli più grossi, azionati da un motorino, che aderiscono alla mano come un guanto e vengono di solito impiegati dai massaggiatori; danno sensazioni intensissime in ogni parte del corpo.

I vibratori non sostituiscono il pene; alcune donne per masturbarsi lì preferiscono al dito, oppure ne infilano uno in vagina mentre stimolano manualmente la clitoride. Spesso, per gli amanti rappresentano un mezzo extra di stimolazione epidermica.

Si dice un gran bene anche dei letti vibratori che si trovano in alcuni alberghi e funzionano a moneta. Spesso però sul  più bello si fermano, o fanno venire la nausea. Un sapiente massaggio praticato su tutto il corpo è meglio di uno concentrato solamente sul pene o sulla clitoride, ma è necessaria molta abilità. I vari aggeggi che si possono applicare a un vibratore, a parte la novità, non offrono nulla di più.

Liberamente tratto da “La gioia del sesso” di Alex Comfort

Segnalibro e Share
 Posted by at 15:18

 Leave a Reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

(required)

(required)